Associazione Medjugorje Torino

MESSAGGIO DEL 2 OTTOBRE 2018

CARI FIGLI, VI INVITO AD ESSERE CORAGGIOSI E A NON DESISTERE, PERCHE' IL PIU' PICCOLO BENE, IL PIU' PICCOLO SEGNO DELL'AMORE VINCE IL MALE SEMPRE PIU' VISIBILE. FIGLI MIEI, ASCOLTATEMI, AFFINCHE' IL BENE PRENDA IL SOPRAVVENTO, AFFINCHE' POSSIATE CONOSCERE L'AMORE DI MIO FIGLIO.

QUELLA E' LA FELICITA' PIU' GRANDE: LE BRACCIA DI MIO FIGLIO CHE ABBRACCIANO! LUI CHE AMA L'ANIMA, LUI CHE SI E' DATO PER VOI, CHE SEMPRE SI DA' NELL'EUCARESTIA, LUI CHE HA PAROLE DI VITA ETERNA! CONOSCERE IL SUO AMORE, SEGUIRE LE SUE ORME SIGNIFICA VERA RICCHEZZA DELLA SPIRITUALITA'. QUELLA E' UNA RICCHEZZA CHE DA' BUONI SENTIMENTI E VEDE AMORE E BONTA' OVUNQUE. APOSTOLI DEL MIO AMORE, FIGLI MIEI, VOI SIETE COME RAGGI DI SOLE CHE, COL CALORE DELL'AMORE DI MIO FIGLIO, RISCALDANO TUTTI ATTORNO A LORO. FIGLI MIEI, AL MONDO SERVONO "APOSTOLI D'AMORE", AL MONDO SERVONO MOLTE PREGHIERE, MA PREGHIERE DETTE COL CUORE E CON L'ANIMA E NON SOLO PRONUNCIATE CON LE LABBRA. FIGLI MIEI, TENDETE ALLA SANTITA', MA NELL'UMILTA': NELL'UMILTA' CHE PERMETTE A MIO FIGLIO DI FARE, ATTRAVERSO DI VOI, CIO' CHE LUI DESIDERA. FIGLI MIEI, LE VOSTRE PREGHIERE, LE VOSTRE PAROLE, PENSIERI E OPERE, TUTTO QUESTO VI APRE O VI CHIUDE LE PORTE DEL REGNO DEI CIELI. MIO FIGLIO VI HA MOSTRATO LA VIA E VI HA DATO LA SPERANZA E IO VI CONSOLO E VI INCORAGGIO, PERCHE', FIGLI MIEI, IO HO CONOSCIUTO IL DOLORE, MA HO AVUTO FEDE E SPERANZA. ORA HO IL PREMIO DELLA VITA DEL REGNO DI MIO FIGLIO. PERCIO', ACOLTATEMI! ABBIATE CORAGGIO! NON DESISTETE! VI RINGRAZIO.

 

Dal commento di Padre Livio Fanzaga. E' uno dei messaggi più intensi e accorati che ci abbia mai rivolto la Regina della Pace! Il messaggio si apre e si chiude con un forte invito: "Abbiate coraggio! Non desistete!". Si vede come la Madonna fa riferimento allo stato di sofferenza in cui si trova la Chiesa. In questo momento il male si è fatto più visibile, lo tocchiamo ovunque, lo percepiamo anche attraverso i mass media mondiali. E' un male che la Madonna chiama "il male" e che ora si è fatto più visibile, lo abbiamo visto dappertutto. E' un male che non è di solito solo di carattere morale, ma è anche di carattere teologico, nel senso che l'immoralità è frutto nefasto della perdita della fede. Quando si perde la fede in Gesù Cristo Figlio di Dio, si fa di Gesù un profeta, non si crede più nell'unicità della fede cristiana, si perde la fede nella Divina Rivelazione, si perde la fede nell'unicità di Cristo. Poi, gli sbandamenti morali sono inevitabili. Infatti, perdendo la fede, si perde la Grazia, l'aiuto divino e andiamo in balìa del male. di fronte a questa situazione, la Madonna ci esorta ad essere coraggiosi, a testimoniare la nostra fede, a non tacere, a non avere paura nel dire: "Io credo in Gesù Cristo Figlio di Dio! Io credo nell'anima immortale! Credo nella presenza reale di Gesù Cristo nell'Eucaristia, dove Lui si dà sempre di nuovo a noi; credo che le sue Parole sono di Vita Eterna!". Non indietreggiamo di fronte ai mali esempi e ai falsi profeti! Il più piccolo bene che facciamo, il più piccolo segno di amore fa indietreggiare il male e lo vince. E' Cristo che vince il male, vince il maligno! La Madonna ci anticipa il premio di questa resistenza coraggiosa: quello di essere testimoni di Cristo e di ricevere il suo abbraccio, che è un abbraccio d'Amore! Guardiamo a Gesù: è Lui che ci può sostenere! E' Lui che è morto sulla croce per salvare le anime! Conoscere Gesù è la ricchezza della spiritualità. La vita serve per "Conoscere, Amare e Servire Dio che si è rivelato in Gesù Cristo". Non è vero che tutte le religioni sono uguali! E che tutte sono raggi di sole... No, raggi di sole sono quelli che credono in Gesù Cristo, che accolgono il suo Amore, la sola ricchezza spirituale da cui nasce tutto il bene che illumina il mondo. "Figli miei, tutti siete chiamati, uomini e donne, a tutte le età, in tutte le situazioni di vita, ad essere raggi di sole che illuminano e riscaldano". Questo discorso della Madonna è cattolico, universale. La Madonna è "cattolica", sentiamo che dice la verità. Ci ricorda che le preghiere vanno dette con l'anima ed il cuore, non solo con le labbra. E ancora: tutto ciò che facciamo (pensieri, parole, opere, preghiere) ci può aprire o chiudere il Regno dei Cieli; pensiamo alle "vergini stolte"... Non dobbiamo aver paura di essere cattolici, fedeli a tutto ciò che la Chiesa ci dice.