Associazione Medjugorje Torino

MESSAGGIO DEL 25 LUGLIO 2017

CARI FIGLI! SIATE PREGHIERA E RIFLESSO DELL'AMORE DI DIO PER TUTTI COLORO CHE SONO LONTANI DA DIO E DAI COMANDAMENTI DI DIO. FIGLIOLI, SIATE FEDELI E DECISI NELLA CONVERSIONE E LAVORATE SU VOI STESSI, AFFINCHE' LA SANTITA' DELLA VITA SIA PER VOI VERITIERA.

ESORTATEVI AL BENE ATTRAVERSO LA PREGHIERA AFFINCHE' LA VOSTRA VITA SULLA TERRA SIA PIU' PIACEVOLE. GRAZIE PER AVER RISPOSTO ALLA MIA CHIAMATA.

 

Dal commento di Padre Livio Fanzaga. In questo messaggio la Madonna ci fa 3 forti esortazioni, molto precise, che ci mettono davanti alla necessità di una scelta.

1) "Siate preghiera e riflesso dell'Amore di Dio per tutti coloro che sono lontani da Dio e dai Comandamenti di Dio". La Madonna parte dalla considerazione di fondo che nel mondo si estendono le tenebre del male, della menzogna e della morte. La fede si dissolve e diminuisce, anche nei credenti. Anche per quelli che seguono la Madonna c'è molta pigrizia: molti hanno perso il senso del "pellegrinaggio verso l'eternità". Questo  mondo ha perso la strada e gira in un deserto e non riesce a trovare la via e si rassegna a morire nel deserto... Cosa fare? La Madonna è venuta per risvegliare la fede in modo tale che ci siano persone che siano loro delle luci. Infatti Gesù ha detto: "Voi siete la luce del mondo". Questa luce dceve essere messa sul candeliere, perché illumini chi sta nella casa. E noi dobbiamo essere luci che riflettono Dio ed il suo Amore. Perciò la Madonna dice: "Siate preghiera". Infatti nella preghiera noi ci uniamo a Dio. Nella preghiera Dio si fa presente nella nostra vita, nei nostri pensieri, nelle parole, nei gesti, nel nostro vestire: in tutti i nostri comportamenti improntati nella rettitudine dei Comandamenti. Noi dobbiamo essere "preghiera vivente", dovremmo essere i Comandamenti viventi, affinché tutti coloro che sono nelle tenebre sappiano qual è la strada da percorrere e seguano quegli indicatori di strada che sono i Comandamenti di Dio. Dunque, non solo "pregate", ma "siate preghiera vivente", orientati continuamente a Dio. 

2) "Figlioli, siate fedeli e decisi nella conversione e lavorate su voi stessi, affinché la santità della vita sia per voi veritiera", cioè: siate "fedeli"; non siamo noi "i fedeli?". La Chiesa ci chiama "i fedeli". Ciò vuol dire: conservare tutta la fede! Siate strenui difensori della vostra fede cattolica, che è la luce della Verità. La Verità è la Divina Rivelazione, la Parola di Dio, che è Gesù stesso, il quale ha detto: "Io sono la Verità". Poi la Madonna dice: "Siate decisi nella conversione", cioè essere perseveranti nella conversione che deve durare tutta la vita. Bisogna decidere di abbandonare la via larga del peccato e tagliare le radici del male, che sono i vizi: della superbia, dell'orgoglio, dell'avidità, della prepotenza. "Tagliare" è il cammino della conversione. Prima si lascia il peccato e poi si lavora su se stessi, eliminando le scorie del male che sono in noi, in modo tale che la santità vera risplenda in noi. Evitiamo il fariseismo strisciante che ci rende belli di fuori, ma guasti di dentro. Se preghiamo ogni giorno, vediamo alla luce di Dio quello che c'è da cambiare. Nella preghiera faremo grandi passi. 

3) "Esortatevi al bene attraverso la preghiera, affinché la vostra vita sulla terra sia più piacevole". Nella preghiera si comprende qual è la via di Dio e si decide di percorrerla. E' nella preghiera che si prendono le grandi decisioni, quelle che costano, che fanno cambiare vita. La via del bene è ardua e stretta, come il sentiero di montagna, ma poi si respira l'aria fresca, si vede il panorama... La via del bene è impegnativa, ma piacevole. La via del bene fa sì che la nostra vita su questa terra sia più lieta, piacevole e buona. La via del bene fa sì che la nostra vita sia un "buon pellegrinaggio verso il Cielo".